top of page
  • Gabriele Clima

Angela Articoni, Lettura per l'infanzia e per ragazzi «Black Boys»

12 febbraio 2020


Difficile dire in poche righe cosa condensa Gabriele Clima in questo libro di 175 pagine, complesso, a tratti indigesto, in alcuni passi affannoso, inesplicabile, disagevole, accidentato e arduo come un sentiero che si inerpica su una montagna: scava nel nostro modo di pensare e di essere, nelle più recondite pieghe del nostro animo.

Di adolescenza, di morte, di vendetta, di sentimenti violenti, di violenza fisica, di razzismo, di madri amorevoli e affetti familiari, di sbagli e momenti che segnano la vita, grandi e piccoli, ma soprattutto di dolore è pregna questa storia.Gabriele Clima illustra lʼadolescenza come nessuno, i suoi dubbi, le sue ferite, la sua crescita dolorosa, ma in questo caso travalica il personaggio e pone in essere dubbi universali: si può 'perdonare'? Vendicarsi è una strada percorribile? E, soprattutto, dare dolore agli altri allevia il nostro?Forse lʼunica strada è accogliere la rabbia, che solo attraverso l’accettazione, può svanire e renderci più sereni: crogiolarsi nel dolore e nella sofferenza è un de-formarsi che non aiuta la nostra identità a emergere. Bisogna credere che ogni situazione possa essere modificata, insegnare la pazienza e la perseveranza, l'amore e il coraggio, offrire risorse che trasformino le ferite in un dono, valorizzandole piuttosto che nascondendole, poiché sono proprio queste che ci rappresentano e che costituiscono uno dei più grandi beni al mondo. Perché come ci dice Gabriele Clima:

«La forza non è il contrario della fragilità, non è restare interi, la forza è rompersi, spezzarsi, ma resistere, e rimanere lì».


Grazie a Gabriele Clima per la sua scrittura che ha un ruolo privilegiato, per la sua poeticità, il suo incanto, il suo potere salvifico e, perché no, la sua durezza.

Post

bottom of page